giovedì 13 settembre 2012

I RACCONTI DEL PALAZZO SUL VIALE ALBERATO


Ci  siamo: ecco il terzo racconto. Domani lo pubblico qui sul blog.
Stavolta la scena si svolge nei piani bassi, quelli più vicini all’ingresso sul Viale Alberato, quelli, cioè, più vicini all’esterno. Anche i personaggi sono diversi: sono i giovani studenti affittuari, fuori sede. Creature misteriose ai miei occhi, con pochi rapporti con il resto del condominio. Più che dalle parole e dai pettegolezzi di altri, la storia stavolta nasce da una osservazione costante e - devo confessarlo- morbosamente incuriosita del fenomeno. Oltre che da impalpabili scambi fugaci:
 “ Salve! L’aspetto? Sale su anche lei?”/  “ No, grazie, sono già arrivato! Abito qui, a piano terra.” Oppure: 
“Buongiorno!”/ “Buongiorno.”
(isabnic2012)