giovedì 9 giugno 2016

KIM ADDONIZIO e "la bellezza di/ questo corpo offeso" di isabnic

Kim Addonizio dice nella sua "First Line is the Deepest" : "For I am a poet. And it is my job, my duty / to know wherein lies the beauty / of this degraded body." ("Perchè io sono un poeta. E il mio compito, il mio dovere,/ è scoprire dove si nasconde la bellezza/ di questo corpo offeso e corrotto").




                                      "Cosa vogliono le donne?"   
            
       Voglio un vestito rosso:
       Lo voglio leggero e dozzinale
       lo voglio troppo stretto e indossarlo
       finché qualcuno me lo strappa via.
       Lo voglio smanicato e senza schiena,
       quest'abito che nessuno debba indovinare
       ciò che nasconde. Voglio passare giù                         
       in strada oltre Thrifty e il ferramenta                     
       con quelle chiavi in vetrina scintillanti
       oltre i signori Wong che nel loro caffè                
       vendono ciambelle stantie, oltre i fratelli Guerra
       che scaricano maiali giù dal camion sul carrello
       issando sulle spalle i grugni lucidi.
       Voglio camminare come fossi la sola donna
       sulla terra e potessi avere la mia chance.
       Voglio quel vestito rosso sconveniente.
       Lo voglio per confermare
       i vostri peggiori timori su di me,                  
       per mostrarvi quanto poco m’importa di voi
       o del resto, eccetto quel che voglio.
       Quando lo troverò, toglierò quest’abito
       dalla sua gruccia come se scegliessi un corpo
       che mi trasporti in questo mondo, attraverso
       i vagiti ed i gemiti d’amore,
       e l’indosserò come ossa, come pelle,
       sarà lo stramaledetto vestito
       in cui mi seppelliranno.
                         
                                                                                 Trad. G.Cerrai © 2006                                     
                                                                                         
                                                                                     
 (From Tell Me by Kim Addonizio. Copyright © 2000 by Kim Addonizio. Reprinted by  permission of BOA Editions, Ltd. All rights reserved)

Infine, nella traduzione di Damiano Abeni e Moira Egan, sempre da Tell me:

"Per te"

Per te mi spoglio fino alla guaina dei nervi.
Mi tolgo i gioielli e li appoggio sul comodino,
mi sgancio le costole, appoggio i polmoni ben stirati su una sedia.
Mi sciolgo come un farmaco nell’acqua, nel vino.
Mi rovescio senza macchiare, me ne vado senza sommuovere l’aria.
Lo faccio per amore. Per amore, scompaio
.


Kim Addonizio (1954), poetessa, performer e scrittrice californiana.
 Tell me (2000) è la sua terza raccolta di poesie, finalista al National Book Award, i testi spesso parlano direttamente al lettore/ascoltatore e narrano di coppie o rapporti tra persone destinati a finire male. Le sue raccolte più recenti sono What Is This Thing Called Love (2004) e Lucifer at the Starlite (2009), considerato da Sean Finney  del San Francisco Magazine, una specie di spettacolo glam-rock molto coinvolgente. Oltre alle poesie è conosciuta per i suoi romanzi Little Beauties(2005), con molte voci narranti, e My Dreams Out in the Street (2007), una triste storia di dipendenza e violenza che si rifà ai suoi primi lavori. In un'intervista di Mag Gabbert (http://thecoachellareview.com/) ha dichiarato che le scrittura è per gli scrittori come un tatuaggio per il corpo: hanno entrambi a che fare con l'identità e mostrano chi sei almeno per un certo periodo di tempo.