lunedì 13 gennaio 2014

GOZO YOSHIMASU, poeta performer (1)

Gozo Yoshimasu è uno dei più interessanti tra i poeti giapponesi contemporanei. Uno dalle mille sfaccettature. Intanto, è un poeta in continuo movimento. Come i poeti storici di haiku, infatti, compone le sue poesie mentre cammina attraverso luoghi e culture, mettendo così in relazione e in contrasto tra loro immagini reali e ricordi. All’ inizio, aveva seguito gli itinerari del vecchio Basho [1], per poi allontanarsi dalle isole nipponiche e attraversare l’Asia centrale e l’America, o percorrere strade secondarie in giro per il mondo. A piedi o su mezzi di trasporto, per mare o in volo. E il suo spostarsi, viaggiare in ogni dove ha determinato il ritmo e la velocità dei suoi versi. La voglia di allontanarsi, “the pursuit of his desire to go far away”[2] è l'anima di ogni suo verso.
Yoshimasu, inoltre, è famoso anche per i suoi reading che avvengono quasi in stato di trance, con uno stile personale di  recitazione, grazie a una modulazione vocale incantatoria. Voce dolce o appassionata che si intreccia e si fonde con la musica di accompagnamento. I suoi versi prendono il cuore e la mente senza bisogno di traduzione.

Insomma, la poesia di Yoshimasu è un tutt’uno con la performance. Mentre legge in pubblico le proprie opere, ne elabora l'esecuzione perfezionandole, come se il testo fosse una partitura. Ecco, dunque, che inserisce, ripete o elimina interi brani, oppure espone e fotografa oggetti legati al testo,  incide i versi su enormi lastre di bronzo, da lui chiamate Calligrafie. La sua poesia, dunque, - visiva, sonora e tattile insieme- diventa esperienza artistica totale. Recentemente, inoltre, alla vista, al  tatto e all’ udito ha aggiunto il mezzo fotografico e calligrafico a creare una complessità testuale nello spazio. Rete di immagini collegate, oggetti e parole che riflettono su un senso conflittuale di nostalgia e straniamento. L’amalgama di immagini, oggetti, parole e la lettura come performance offrono una possibilità di trascendere il limite del linguaggio e rivelano la fertilità illimitata della poesia.

 
Una delle ultime sperimentazioni è stata quella di lavorare con il mezzo filmico, così da poter combinare le immagine in movimento con i versi letti durante il reading (durante la recente esposizione “Poetic Spectrum – Images, Objects, and Words”[3]  nella Location One a New York).

Presenza emblematica della poesia giapponese del dopoguerra, ha collaborato con molti artisti contemporanei e musicisti, e le sue opere sono state tradotte in molte lingue. Con i suoi testi-performance la traduzione diventa un’operazione ancora più complessa del solito. Quando il traduttore rimane il più fedele possibile alla poetica di Yoshimasu, si perdono le peculiarità formali e stilistiche dell'originale, ma in tal modo si recupera la “traccia” che è l’anima e la veste esteriore della scrittura del poeta. (gogo2014) 




[1] Poeta viandante di haiku del 17° secolo.
[2] Gozo Yoshimasu, dalla sua poesia “Weaver Girl” (La giovane tessitrice)
[3] La mostra faceva parte dell’evento “US-Japan 150”, un festival nazionale  organizzato in occasione delle celebrazioni del 150esimo anniversario dell’inizio dei rapporti politici, commerciali e culturali tra Stati Uniti e Giappone (1853).