lunedì 13 gennaio 2014

GOZO YOSHIMASU, poeta performer (2)

Gozo Yoshimasu (1939) scrive poesie da quando era ancora studente di letteratura all’università di Keio negli anni Sessanta. Il suo primo libro di poesie si intitolava “ Shuppatsu” (Partenza) è del 1964. Allo stesso tempo, però, ha continuato a produrre opere fotografiche, video e performance. Ha vinto vari premi, tra cui il Takami Jun Prize, il  Purple Ribbon Medal dal Governogiapponeseper il suo significativo contributo alla cultura del paese, e il Mainichi Geijutsu Prize nel 2009 per  omote-gami, un libro di fotografia. Ha insegnato in varie università, in California, a Lione e  alla Waseda University, la più famosa università privata in Giappone. Ha fatto letture pubbliche al Centre Georges Pompidou (2000), al Taipei International Poetry Festival (2001), e ha esposto foto e calligrafie alla  Biennale  di São Paulo (1990) e alla Chambre de Commerce et Industrie di Strasburgo (2000), per citare solo alcuni esempi. Al momento produce soprattutto  gozoCiné (video) e si dedica alla pubblicazione di libri. Nel maggio 2003, ha ricevuto il Purple Ribbon Award dal Governo giapponese per I suoi significativi contributi culturali oltre a numerosi altri come The Order of the Rising Sun e il Gold Rays nel 2013.
Il traduttore e scrittore Forrest Gander, professore di Letterature Comparate alla Brown University nel   Rhode Island sta curando l’edizione inglese di “Alice, Iris, Red Horse”, che è una selezione di opere di Gozo.
 In Italia possiamo conoscere Gozo grazie all’editore Scheiwiller:

 Gôzô Yoshimasu, “The other voice-L'altra voce” (Ediz. italiana, giapponese e inglese),Libri Scheiwiller, PlayOn , Nr. 11;  2005. A cura di M. Mazzi