domenica 28 luglio 2013

FERRUCCIO BRUGNARO, poeta- operaio




TUTTI ASSOLTI AL PROCESSO
PER LE MORTI AL PETROLCHIMICO
 
Lavoravamo tra micidiali veleni
sostanze terribili
cancerogene.
Non affermate ora
furfanti
ladri di vite
che non c'era alcuna certezza
che non c'erano legislazioni.
Non dite, non dite che non sapevate.
Avete ammazzato e ammazzate ancora
tranquilli indisturbati
tanto
il fatto non sussiste.
I miei compagni morti non sono
mai esistiti
sono svaniti nel nulla.
I miei compagni operai
morti
non possono tollerare
questa vergogna.
Non possiamo sopportare
questo insulto.
Nessun padrone
nessun tribunale
potrà mai recingerci
di un così grande
infame silenzio.




Ferruccio Brugnano è il poeta -operaio, nato a Mestre nel 1936, autore di questa poesia, di questo urlo sincero e coraggioso contro l'amata fabbrica assassina e inquinatrice. Conosce bene il Petrolchimico di Porto Marghera, perché lì ha cominciato a lavorare giovanissimo dai primi anni Cinquanta e lì ha lottato come attivista sindacale, condividendo generosamente in mezzo a cortei, assemblee e piazze anche i suoi versi in rivolta, ciclostilati e distribuiti come volantini, o affissi come manifesti sui muri di Venezia e Roma nel '90 e '9i per urlare contro la guerra, o dipinti tra i murales di Orgosolo. Fu durante gli anni Settanta che i suoi scritti cominciarono ad essere pubblicati in Italia  e poi in seguito tradotti e pubblicati in alcuni paesi europei e negli Stati Uniti. L'archivio delle sue opere -conservate in scatole e scatoloni di cartone- è ospitato dal 2005 presso il Centro di Documentazione di Storia Locale di Marghera(VE).








Ferruccio Brugnaro è ormai in pensione come operaio, ma continua nei suoi reading  a parlare di fabbrica  e di vita con voce chiara e appassionata:


MATTINA DI MARZO

                                 Gabbiani, schiere foltissime
                                                 di gabbiani
ora imbiancano gli acquitrini
            che circondano le fabbriche.
                                  Il vento li muove, li agita
                                                  come grossi fiori.
                                   Il nostro sangue, il nostro cuore
                                                   acceso
                                                  ora li segue attentamente.
                                   La nostra volontà, la nostra carne
                                                          tutta ferita
li guarda avida
ascolta intensamente il loro grido
                          il nostro grido
                           di amore, di vita
su questa terra
                   sempre più nera,
in questo silenzio di ferro.

Nel suo "Ritratto di una donna", tradotto in inglese dal poeta e suo amico Jack Hirschman, ci offre un canto d'amore concreto e struggente. i versi sono pieni di Maria, la donna amata che lavora a tempo pieno ma che la vita non distrugge perché lei è più forte della vita:

[...]
Parte alle otto
parte a mezzogiorno
parte alle dieci e mezzo
parte alle due del pomeriggio
         parte alle quattro.
Maria parte alle nove
                         alle dieci
                                alle undici.
la chiamano scuola a tempo pieno.
Quando ritorna non è facile
                  saperlo.
         Può anche tornare
all'una
        all'una e mezzo
                  alle sei
                         alle sette
                                alle otto.
Il ritorno è mistero.
              Ma quando ritorna
               quando ritorna
                    è così bello
                da impazzire.
       
(da "Ritratto di donna", Campanotto editore 2011)

isabnic2013.