sabato 1 dicembre 2012

SERVO DI SCENA al Teatro Argentina

Il testo di Ronald Harwood ( traduzione italiana a cura di Masolino D'Amico) è meraviglioso, rapido,  divertente e tristissimo insieme. Branciaroli si riconferma attore bravissimo e Tommaso Cardarelli (il servo di scena)-  che fa un po' il verso a Paolo Poli-è altrettanto bravo:  riesce a mantenere per tutta la durata dello spettacolo il ritmo veloce delle frasi.  Le sue parole sembrano accarezzare, proteggere, curare e circondare, simile a  una nuvola di affetto ironico, il vecchio attore istrione, sempre più consapevole dell' avvicinarsi della sua fine.  Regia e scenografia potevano osare di più e il confronto con il film di Yates (1983), interpretato grandiosamente da Albert Finney e Tom Courtenay, continua ad affacciarsi alla mente durante tutta la rappresentazione.
(gogo2012)