venerdì 21 settembre 2012

CECI N'EST PAS UN SAINT MATHIEU!

Roma, 21 Settembre, San Matteo.
Dalle nove e trenta alle undici circa, sul sagrato di San Luigi dei Francesi.

L'Angelo-suggeritore è appena volato via, dimenticando le sue ali a terra. Sul sagrato è rimasto Matteo, l'esattore, con la barba incolta e i capelli bianchi. Seduto e con un grande quaderno sulle ginocchia cerca di ricordare le parole dell'Angelo e le scrive senza sosta, tra frettolosi commessi del Senato, squadre di pulitrici curiose,  gruppi di turisti distratti, guide esperte e catturatori compulsivi di immagini. Quando un raggio di sole infine illumina le pagine imbiancate e scritte da Matteo, la visione scompare. Non rimane che impacchettare tutto e tornare a casa. (isabnic2012)